Nell'alchimia Taoista, il corpo umano è un vero e proprio terreno di lavoro in cui poter coltivare e trasformare i tre tesori:

Jing - Qi -Shen

§

 

"Quando (shen) la postura del corpo non è corretta, il Qi non sarà fluido.

Quando il Qi non è fluido, (Yi) la mente consapevole non sarà quieta.

Quando (Yi) non è quieta, il Qi sarà disordinato."

 

Il Tao è unità, la pratica è unità.

Interno ed esterno sono in relazione.

Ciò che definiamo "pratica interna" (Nei Jia) e "pratica esterna" (Wei Jia), sono soltanto due aspetti della stessa unità.

Se entrambi gli aspetti non sono coltivati ed armonizzati, ci sarà squilibrio.

Nei jia  

"Senza oltrepassare la porta,

puoi conoscere il mondo.

Senza guardare fuori dalla finestra,

puoi scorgere il cielo.

Più si viaggia lontano, meno conosci.

Per questo il saggio conosce senza viaggiare,

conosce senza vedere,

compie senza agire"

 

                                                                        "Tao te ching cap. 47"

Wei jia  

"L'uomo nasce debole e morbido

e muore rigido e duro.

L'albero nasce flessibile e tenero

e muore rigido e duro.

Rigido e duro sono i modi della morte,

Morbido e flessibile sono i modi della vita.

L'esercito vittorioso è quello che non ha mai combattuto.

Un albero troppo rigido si spezza.

Rigidità e durezza stanno in basso.

Flessibilità e morbidezza stanno in alto."

 

                                                                        "Tao te ching cap. 76"

Wu Wei

"Agisci senza agire,

compi senza attaccamento,

assapora l'insapore,

ingrandisci il piccolo,

aumenta il poco,

ripaga l'odio con la benevolenza,

pianifica il difficile mentre è facile,

affronta il grande mentre è piccolo.

Nel mondo le cose difficili cominciano necessariamente come facili.

Le cose grandi cominciano necessariamente come piccole.

Il saggio fino alla fine non si occupa del grande, perciò può realizzare il grande.

Le promesse fatte con leggerezza, necessariamente sono poco affidabili.

Troppa facilità necessariamente comporta grandi difficoltà.

Il saggio considera tutto difficile, perciò fino alla fine non incontra difficoltà."

                                                                                                      "Tao Te Ching cap.63"

"Il fine di dare forma alle operazioni militari è diventare senza forma.

Affidati alla forma per sconfiggere il nemico numeroso

e quest'ultimo non riuscirà a capire come hai fatto.

Tutti vedono la forma con cui ho vinto,

ma nessuno sa cosa mi porta a decidere la forma della vittoria."

                                                                                                      "L'arte della guerra cap.6"

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now